venerdì 3 febbraio 2017

BOOM 60!

Al Museo del Novecento a Milano è in corso la mostra 'BOOM 60! Era Arte Moderna' e io l'ho visitata.
Si tratta di una mostra dedicata all'arte in Italia nel periodo compreso tra i primi anni Cinquanta e i primi Sessanta, con un'esposizione di opere di pittura, scultura e grafica ma non solo...
Una interessante sezione documentaria rivela come le riviste di quel periodo abbiano contribuito a diffondere e a raccontare l'arte agli Italiani.

Le opere esposte provengono principalmente dal ricco deposito del Museo stesso, scelte in particolare tra quelle che avevano suscitato reazioni tra il grande pubblico, diffidente verso l'arte moderna, ed evidenziando la mentalità e i pregiudizi di una cultura di massa.

Si parte quindi dalla pittura astratta, accusata di essere 'troppo facile' ma anche 'incomprensibile'...



passando per la critica verso i nuovi materiali che vengono utilizzati dagli artisti 'moderni' al posto del nobile marmo, ovvero il ferro, il gesso e il bronzo che vengono lavorati con la fiamma ossidrica e la sega elettrica al posto dello scalpello...


Il simbolo dell'incomprensibilità dell'arte moderna è il buco, qui ben rappresentato dalle opere di Lucio Fontana e di Alberto Viani...


che in quegli anni avevano scatenato l'ironia e la satira, raccontate nella mostra da una esilarante raccolta di vignette umoristiche apparse sulle riviste del periodo.
Eccone qualcuna... 





Molto ricca e interessante è anche la sezione riguardante la stampa di attualità illustrata che si rivolge al grande pubblico e che negli anni del boom raggiunge la massima tiratura e diffusione.
Per molti Italiani le riviste rappresentavano allora la principale fonte di informazione, di lettura e di intrattenimento e i temi dell'arte erano ampiamente trattati, anche assecondando gli stereotipi e i pregiudizi più diffusi.


Uno dei metodi più utilizzati per parlare d'arte era associarla a personaggi noti, come le star del cinema, della canzone e dello sport e le principesse straniere, arricchita con una buona dose di pettegolezzo...


Gli artisti stessi vengono spesso trasformati in divi...



e perfino la pubblicità si serve dell'arte per trasmettere un'idea di raffinatezza e di affermazione sociale...


Attraverso i rotocalchi l'arte entra perciò nelle case degli Italiani, creando la breve illusione che in pochi anni sarebbe stata alla portata di tutti, proprio come il frigorifero, il televisore e la lavatrice.

Se ritieni che questa mostra ti possa interessare, tieni presente che la parte documentaria richiede un adeguato tempo di lettura e di visione del materiale cartaceo esposto.

BOOM 60!
Era Arte Moderna
presso il Museo del Novecento - Milano
fino al 12 marzo 2017
Info per orari e costi QUI

Nessun commento:

Posta un commento