venerdì 8 aprile 2016

Composizione di aprile con ellebori

Subito dopo Pasqua ho tolto se pur a malincuore le varie decorazioni che avevo disseminato in giro per casa...è il momento di passare ad altro!
Come al solito esco in giardino a cercare l'ispirazione per una nuova composizione da mettere in casa, sulla solita consolle.
Non ho problemi a tagliare qualche rametto qua e là, in un piccolo giardino è un intervento spesso necessario, ma ti confesso che non raccolgo mai i fiori che coltivo, li taglio quando sono del tutto appassiti.
Questa volta però ho fatto un'eccezione...
Uno dei fiori che preferisco è l'elleboro, quello più semplice e comune, ovvero l'Helleborus niger.
Ne ho tantissimi, praticamente ovunque, sia in vaso che direttamente in terra.
Hanno una fioritura lunghissima che dura tutto l'inverno e anche oltre.
Eh sì, mi piacciono molto anche quando trascolorano dal bianco puro al verde giada e maturano le capsule gonfie di semi... 


Rimangono così fino alla completa maturazione dei semi, quando le capsule si aprono sparpagliando in giro una miriade di piccoli semi che non mi preoccupo mai di raccogliere.
Lascio fare alla natura.
E' così che trovo gli ellebori in ogni angolo del mio piccolo giardino con mia grande soddisfazione, non lo nascondo!
Quest'anno mi sono ritrovata una quantità enorme di fiori di elleboro e perciò, per la prima volta nella mia vita da giardiniera urbana, ho deciso di tagliarne qualcuno.
Naturalmente ho raccolto quelli più nascosti, quelli che nemmeno mi ero accorta di avere.
Sempre dal giardino arrivano anche questi rametti di Chamaecyparis e di Nandina domestica...


e mi sono messa al lavoro.
Innanzitutto ho foderato un cesto con un foglio di plastica per evitare incidentali fuoriuscite di acqua...


Non avendoli mai raccolti prima d'ora, non ho idea di quanto possano durare i fiori di elleboro recisi, ma di certo li devo mettere in acqua.
Inoltre ho raccolto solo i fiori diventati già verdi e quindi già in fase molto avanzata di fioritura.
Ho preso poi un vasetto di vetro delle conserve e, aiutandomi con del nastro biadesivo, ho nascosto la parte superiore con un pezzetto di nastro di juta.


e qui ho messo il mio mazzolino di verdi ellebori da inserire nella mia nuova composizione...


Ho iniziato a posizionare i rami di Chamaecyparis attorno al bordo del cesto.
I rami di questo sempreverde durano moltissimo anche senza acqua e, particolare non trascurabile, anche quando seccano non perdono le fogliette aghiformi.


Se mi segui da qualche tempo avrai notato che per le mie composizioni casalinghe non faccio mai uso dell'oasis, la spugna verde normalmente utilizzata dai fioristi.
Preferisco inserire vasetti con terriccio o piccoli bicchieri con l'acqua.
In questo modo mi è più facile sostituire all'occorrenza i vari componenti della composizione o rabboccare di acqua i contenitori, senza dover spostare tutto l'insieme.
Ai lati del cesto ho quindi inserito due piccoli bicchieri d'acqua...


dove ho messo i rami di nandina...


Al centro ho infilato il vasetto con i fiori di elleboro...
et voilà...


ecco pronta la mia nuova e velocissima composizione da tavolo...




Come ti ho detto, l'unica incognita sarà la durata dei fiori di elleboro recisi, ma sono già passate due settimane e la composizione è ancora fresca!

6 commenti:

  1. Mi piace la composizione raccolta.I rami di nandina danno respiro. Gli ellebori sono fiori belli e discreti, avrei aggiunto (parere personale) un tocco di colore, un punto luce: un solo fiore grande e bianco.Oppure un nastro colorato oppure un vecchio cucchiaio di legno con una scritta...ma sarebbe stata la mia composizione...questa è la tua composizione!Sei come un'altra mia sorella, ne ho tre,soffre nel recidere i fiori freschi...al contrario io li amo e ne farei mazzi enormi.
    Ciao e buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che ci avevo pensato anch'io ad aggiungere un tocco di chiaro, solo per dare un aspetto più primaverile alla composizione che invece richiama i colori dell'autunno...ma va bene così, quando gli ellebori appassiranno li sostituirò con un vasetto di fiori di primavera.
      Per quanto riguarda i fiori recisi...magari se avessi ettari di giardino ne destinerei una parte ai fiori da taglio ma, in un giardino grande come un balcone, mi sembra un sacrilegio tagliarli per portarli in casa :-D
      Ciao e buon venerdì!

      Elimina
  2. Bellissima composizione...un bacione e buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gabri, sono contenta che la mia composizione ti piaccia.
      Ciao! :-)

      Elimina